DeRev

Da Startupbusiness wiki.

DeRev
Logo
Nazione bandiera Italia
Fondazione Agosto 2012

Fondata da

Roberto Esposito, Fulvio Sicurezza, Antonio Mottola

Sede principale Napoli, Campania
Persone chiave

Roberto Esposito

Stato del progetto

Pre-Lancio

Settore

Piattaforma social, Crowdfunding

Dipendenti 5 (2012)
Sito web www.derev.com

DeRev è una piattaforma social fondata da Roberto Esposito. Il sito, gestito e di proprietà di DeRev Srl, consente agli utenti di trasformare le loro migliori idee in Rivoluzioni di massa allo scopo di migliorare concretamente il mondo in cui viviamo.


Indice

Bio responsabili

Roberto Esposito

Roberto Esposito, 27 anni, è il fondatore e CEO di DeRev. Nato e cresciuto a Vallo della Lucania (SA), si trasferisce a Napoli per frequentare la facoltà di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II“. Con un quoziente intellettivo superiore a 148, è riconosciuto dal Mensa International nel 2% delle persone più intelligenti del pianeta.

Dall’età di 13 anni si appassiona alla tecnologia e all’informatica, studiando da autodidatta i linguaggi di programmazione per poi metterli in pratica sulla rete. Dai 15 anni lavora come freelance allo sviluppo di siti web, a 17 collabora con diverse testate giornalistiche, tra cui la prestigiosa rivista a tiratura nazionale “Hacker Journal“, a gennaio 2009 entra nella redazione de “La Penisola“, per cui cura la Rubrica “Tech&Web” fino a giugno dello stesso anno.

Il 13 ottobre 2001 fonda il CrashDown Cafè, un portale dedicato alla serie TV Roswell, che in poco tempo si afferma come uno dei fanclub più completi e apprezzati a livello internazionale. Ben presto la community diventa il ritrovo per tutti gli appassionati di telefilm e promuove numerose iniziative di successo, come campagne di protesta (Aldo Grasso scrisse “I potenti fan roswelliani"), petizioni e giochi di ruolo, ricevendo inoltre una lettera di ringraziamento dal produttore esecutivo Kevin Kelly Brown.

Durante l’estate 2009, il CrashDown si trasforma in un blog di informazione sarcastica e indipendente e, dopo appena 6 mesi dal suo esordio, supera le 150.000 visualizzazioni al giorno e viene venduto ad una cifra 200 volte superiore all’investimento iniziale. Nell’autunno del 2010 lancia “Cinismo, insensibilità, humour nero e altre cose che si mangiano“, una rubrica su Facebook che attualmente conta attualmente più di 52.000 iscritti in continuo aumento. Sempre su Facebook, inventa e mette in pratica tecniche di web marketing non convenzionale con cui promuove a costo zero le sue fanpage fino a raggiungere un totale di 2.800.000 di iscritti.

Il 30 marzo 2011 Roberto entra nel Guinness World Records stabilendo il nuovo record mondiale di commenti ad un singolo post sulla sua pagina Facebook: a detenere il primato era il gioco Cityville con 292.288 commenti ma, tre mesi dopo aver lanciato la sfida al colosso della Zynga, lui riesce quasi a raddoppiarlo con oltre 560.000 commenti al suo post. Su invito di Greenpeace International, si dedica alla campagna di protesta “Facebook: unfriend coal” con l’ambizioso obiettivo di convincere il social network ad abbandonare l’elettricità prodotta dal carbone a favore delle energie pulite. L’iniziativa ottiene uno straordinario successo e il 13 aprile 2011 la pagina Facebook dedicata viene bombardata dai messaggi di 80.000 persone in 16 lingue diverse, che causano un rallentamento dei server e stabiliscono il nuovo record mondiale di commenti in 24 ore. A distanza di pochi mesi il gigante di Internet annuncia che, impressionato dall’enorme partecipazione e successo della campagna, si impegna a rivedere la propria politica energetica attraverso il Facebook’s Sustainability Program.

Il 5 ottobre 2011, Roberto è ospite di Pippo Pelo e Francesco Facchinetti su Radio KissKiss e nel corso della trasmissione, i due conduttori lo sfidano a portare 10.000 nuovi iscritti alla loro pagina Facebook nel giro di una settimana: ci riesce in quattro giorni e mezzo.

Grazie ad un lungo articolo che Il Mattino dedica alle sue imprese artistiche e imprenditoriali, viene invitato dal Presidente dell’Unione degli Industriali di Napoli a far parte del team costituito per organizzare – insieme al Comune di Napoli, alla Provincia di Napoli e alla Regione Campania – le regate dell’America’s Cup World Series, il più famoso e prestigioso torneo di vela nonché il più antico trofeo sportivo del mondo.

Oltre a rilanciare sul piano internazionale l’immagine di una città pulita, innovativa ed ecologica, l’evento di Napoli ottiene un incredibile successo in rete (oltre 70.000 visite al giorno sul sito web e 740.000 interazioni a settimana sui social network) e sul lungomare della città, dove viene ampiamente superato il record mondiale di spettatori (250mila solo a Pasquetta 2012) mai registrato dalla Coppa America.

Il 14 aprile 2012 partecipa come speaker al TEDx Napoli, la conferenza internazionale dei più grandi innovatori del mondo. In campo artistico, pubblica due Album musicali e numerosi videoclip e cortometraggi (tra cui un dvd) nel ruolo di sceneggiatore e regista. Roberto è inoltre autore di articoli, inchieste, sceneggiature, saggi e racconti di vario genere, nonché di un primo libro in uscita con la Sperling & Kupfer.

Antonio Mottola

Antonio Mottola, 37 anni, è co-founder e Project Manager di DeRev. Laureato in Ingegneria Informatica alla "Federico II" di Napoli, dove conosce Fulvio Sicurezza, e appassionato di tecnologia, inizia la sua carriera realizzando come freelance applicativi gestionali in C++ per diversi clienti sul territorio. Nel 2001 lavora per la Global Communications come sviluppatore di siti web in C++/Delphi. Dopo una breve parentesi come tecnico hardware per privati, partecipa in ambito universitario allo sviluppo in Java e CORBA di un applicativo web per telemedicina con un dipartimento del Nuovo Policlinico di Napoli.

Nel 2006 viene assunto dalla Fides Consulting come sviluppatore Java per la realizzazione di un sistema di booking online e del backoffice su commissione della Tirrenia di Navigazione. Nel 2008 passa come analista programmatore alla Neatec, dove ben presto diventa project manager su progetti di clienti come ENEL, Regione Campania, CIRA, Intesa San Paolo, Multicedi ed Equitalia. Grazie a questa esperienza approfondisce le sue conoscenze di Java EE, SOA e Web Services, Struts, Spring 2, nonché di CMS basati su PHP come Drupal e Wordpress. L’esperienza con Equitalia gli consente di acquisire conoscenze degli strumenti di business intelligence SAS. A fine gennaio 2012, grazie alla lunga amicizia con Fulvio Sicurezza, conosce Roberto Esposito, al quale offre la sua disponibilità per il progetto “De Revolutione”.

Fulvio Sicurezza

Fulvio Sicurezza, 38 anni, è co-founder e Project Manager di DeRev. Laureando in Ingegneria Informatica alla Federico II di Napoli e appassionato di informatica da sempre, inizia presto la sua carriera come freelance, sviluppando applicativi per aziende e privati sul territorio. Nel 2000 viene chiamato a gestire i sistemi informativi dell’Unione degli Industriali di Napoli, dove viene successivamente nominato Amministratore di Rete, realizzando nel contempo applicativi su commissione dell’Associazione stessa, per la sincronizzazione tra diversi DBMS, la gestione dei ticket di assistenza e la produzione di statistiche integrata in un cruscotto aziendale.

Nel 2007 entra a gestire il ramo informatico della General Service, azienda di famiglia dedita all’assistenza tecnica per la Philips, e nel 2010 ne prende le redini, diventandone Amministratore Unico. Negli ultimi 5 anni sviluppa applicativi per diversi clienti, da solo o in collaborazione con la Digital Starfish di Genova, che si occupa del lato grafico, mantenendosi nel frattempo aggiornato sulle ultime tecnologie, studiando nuovi linguaggi ed approfondendo la conoscenza dei sistemi basati su Unix ed il design di database.

Il background sistemistico gli consente di mantenere un rapporto di consulenza con l’Unione degli Industriali di Napoli, del quale diventa Amministratore di Sistema con nomina. Continua nel frattempo lo studio dei Framework e dei CMS (Content Management System) open-source più utilizzati, specializzandosi nella scrittura di plugin in PHP/MySQL su commissione, per la gestione di agenzie di recupero crediti, pianificazione di risorse umane, e-commerce di autoveicoli ed altro. A fine gennaio 2012 incontra Roberto Esposito, al quale offre la sua disponibilità per il progetto “De Revolutione”.


Caratteristiche dei prodotti/servizi venduti dall'impresa

Crea qualcosa di innovativo per risolvere un problema o migliorare un aspetto della vita, incontra persone che condividono le tue proposte per instaurare rapidamente collaborazioni e amplificare la voce di gruppi e associazioni,contribuisci ai progetti più appassionanti e supporta le cause che ti stanno a cuore attraverso petizioni ecrowdfunding, metti a disposizione le tue capacità e competenze diventando un agente di cambiamento reale!

Tutti gli strumenti offerti dalla piattaforma si integrano con gli altri social network grazie ad applicazioni e widget per Facebook e per i siti esterni che sfruttano la loro potenza virale per amplificare la visibilità dei progetti.

DeRev ambisce a soddisfare il bisogno crescente di usare la Rete per dare voce e potere alla comunità e ai cittadini attraverso strumenti progettati per valorizzare, perfezionare ed amplificare le idee dal basso. Con oltre 50.000 pre-iscrizioni raccolte in pochi mesi, la piattaforma verrà lanciata in Italia ad ottobre 2012.


Risultati raggiunti

Programmi di sviluppo

Finanziamenti ricevuti

Nell'agosto 2012, DeRev riesce a concludere una delle più rilevanti operazioni di early stage realizzate negli ultimi anni in Italia, ottenendo un primo investimento di 1,25 milioni di euro da Vertis Venture, fondo di venture capital gestito da Vertis SGR.

Il closing, che vede il co-investimento anche di un gruppo di Business Angel formato da nomi di spicco del settore Internet e con forte esperienza internazionale, fra cui Giulio Valiante (Jobrapido, Buongiorno Vitaminic, Saldiprivati) e Michele Casucci (Lycos Italia, Certilogo, Jobrapido), arriva dopo 8 mesi di fundraising durante i quali DeRev è stata protagonista di numerosi eventi di prestigio – dal TEDx alla vittoria di VulcanicaMente – e ha raccolto oltre 50.000 pre-iscrizioni alla sua landing page.

“Siamo orgogliosi di essere riusciti in poco tempo a raggiungere un obiettivo così ambizioso, che ci incoraggia e ci spinge con determinazione verso il lancio della piattaforma sul web previsto per l’autunno 2012″ ha dichiarato Roberto Esposito, fondatore e CEO di DeRev. “Vertis Venture, uno dei fondi di venture capital più attivi nel panorama italiano, ha da subito intuito le grandi potenzialità della nostra startup e condiviso la filosofia con cui stiamo dando vita al progetto. L’apporto di un consistente capitale e il prezioso supporto dei Angel Investor ci permetteranno di accelerare la nostra crescita e di puntare alla leadership del mercato, prima italiano e poi straniero“.


Riferimenti

Collegamenti esterni

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti